COLESTEROLO

Colesterolo.com

Colesterolo LDL

In generale il colesterolo è un qualcosa che fa paura a causa dei suoi possibili effetti negativi sull'organismo, ma c'è una distinzione da fare tra colesterolo LDL (Low Density Lipoprotein) e colesterolo HDL (High Density Lipoprotein); il primo è il cosiddetto colesterolo cattivo, il secondo è il cosiddetto colesterolo buono, quello che aiuta a pulire le arterie proprio dal colesterolo cattivo.

Ogni anno il colesterolo alto è causa di infarti, trombosi, ictus e malattie legate all'obesità; alcuni esperti hanno dimostrato che, con l'aumentare dei livelli di colesterolo LDL nel sangue, aumenta anche il rischio di malattie cardiovascolari, e viceversa, con l'abbassamento di tali valori, diminuisce il rischio di contrarre malattie cardiovascolari.

Sicuramente la situazione varia da persona a persona, ed esistono dei fattori che non possono essere controllati e che incidono fortemente sull'aumento del colesterolo e sullo sviluppo di alcune malattie, quali l'età e i fattori di tipo genetico. Si parla quindi di ereditarietà di malattie cardiocircolatorie, di infarti o altri tipi di disturbi.

Fortunatamente, però, ci sono anche fattori di rischio controllabili, che se presi e curati in tempo possono portare al raggiungimento di un buono stato di salute; si possono considerare, ad esempio, i livelli alti di colesterolo LDL nel sangue, i livelli bassi di colesterolo HDL nel sangue, il fumo, la pressione sanguigna troppo alta, il diabete, la vita sedentaria, l'obesità e la mancanza di attività fisica.

E' evidente che questi ultimi fattori possono essere corretti, o tenuti sotto controllo, con alcuni accorgimenti alimentari, con dell'attività fisica e con un cambiamento radicale del proprio stile di vita, tutte cose che con buona volontà e costanza possono essere realizzate da un po' chiunque.

Come opera il colesterolo LDL e come interagisce con quello HDL?

Il colesterolo LDL viene trasportato dalle lipoproteine LDL, le quali possono subire delle modificazioni strutturali provocate da agenti ossidanti che possono indurle a depositarsi sulle pareti arteriose creando non pochi problemi:

- il colesterolo LDL si deposita sulle pareti arteriose e ostacola il flusso sanguigno, con una azione che contribuisce alla formazione di una placca che cresce col tempo e riduce la capacità del sangue di scorrere normalmente;

- riduzione dell'elasticità delle pareti arteriose;

- formazione di trombi dalla placca, che possono staccarsi dalla parete e otturare i capillari impedendo l'arrivo del sangue al tessuto.

Insomma, è chiaro come il colesterolo cattivo LDL incida moltissimo sullo stato di salute delle arterie e sulla circolazione del sangue nell'organismo, e non a caso la maggior parte degli infarti è causata da un'otturazione di qualche arteria del cuore, dovuta proprio alla formazione di grasso che impedisce l'affluire del sangue.

Ma quali sono i giusti valori del colesterolo LDL e HDL?

Per prima cosa c'è da dire che, quando si valutavano gli esami del sangue, si teneva conto di diversi parametri, tra cui il livello di colesterolo totale, cioè la quantità complessiva di colesterolo presente nelle lipoproteine. Oggi si preferisce approfondire il quadro clinico dei pazienti valutando sia il colesterolo HDL che il colesterolo LDL, in modo da avere un quadro completo della situazione.

Ma quali sono i valori di riferimento per una persona sana?

La concentrazione di colesterolo totale dovrebbe essere inferiore a 200mg/dl, quella del colesterolo HDL dovrebbe essere maggiore di 40 mg/dl, mentre quella del colesterolo LDL dovrebbe mantenersi inferiore a 160 mg/dl.

Come ridurre il colesterolo LDL? Quali accorgimenti adottare?

A seconda dei fattori che portano all'aumento di colesterolo LDL, è possibile o meno intervenire per ridurne i livelli del colesterolo cattivo nel sangue e migliorare il proprio stato di salute. Se i fattori sono di natura alimentare basterà seguire una opportuna dieta per il colesterolo, considerando vari accorgimenti per riportare tutto alla normalità, mentre se l'alterazione eccessiva dei livelli di LDL nel sangue è dovuta ad altro si dovrà intervenire con medicinali.

Solitamente, contro il colesterolo LDL vengono prescritte le statine, farmaci molto comuni e diffusi che servono a combattere gli alti livelli di colesterolo, che però col passare del tempo si sono dimostrati più di una volta inefficaci e a volte pericolosi. Una ricerca condotta presso la prestigiosa Università di Oxford ha evidenziato che le statine sono inutili e non combattono la formazione di coaguli di sangue, quindi non hanno nessun effetto benefico nella lotta contro il colesterolo LDL.

Come si misura il colesterolo LDL e come prepararsi per le analisi?

Le LDL sono formate prevalentemente da colesterolo e presentano un basso contenuto di proteine; la misura del livello di colesterolo LDL nel sangue avviene tramite la formula di Friedewald che mette in relazione trigliceridi, colesterolo totale e colesterolo HDL.

Prima di eseguire le analisi per il colesterolo bisogna osservare un digiuno di 12 ore, quando è consentito bere un po' d'acqua, e si dovrà essere in posizione eretta da almeno mezz'ora. Inoltre, si raccomanda di non variare l'alimentazione abituale nei giorni che precedono gli esami del colesterolo, in quanto è importante avere un quadro ben chiaro della situazione che si presenta solitamente.

Quali sono i valori che entrano in gioco per il colesterolo LDL?

Valori desiderabili: < 130 mg/dL

Valori di rischio vascolare moderato: 130 – 159 mg/100ml

Valori di rischio vascolare elevato: > 160 mg/100m

In conclusione

Il colesterolo LDL, o colesterolo cattivo, se non tenuto a livelli normali, può risultare davvero dannoso per l'organismo e può dar vita a malattie piuttosto gravi. Infatti, l'eccessivo colesterolo LDL nel sangue forma delle placche intorno alle pareti delle arterie, placche che possono staccarsi e otturare i vasi sanguigni impendendo al sangue di defluire bene e di arrivare ad organi importanti come il cuore e il cervello.

Si raccomanda di eseguire periodicamente delle analisi del sangue per accertarsi dei propri valori di colesterolo e di non sottovalutarne possibili alterazioni. Il consiglio primario è quello di rivolgersi ad un medico che possa scegliere il metodo giusto per curare il colesterolo LDL, se questo risulta essere troppo alto.

Solitamente i fattori scatenanti per un livello di LDL nel sangue troppo alto possono essere controllati, soprattutto se dipendono da problemi legati al peso o in generale all'alimentazione, mentre nei casi in cui si parla di ereditarietà della malattia o di fattori genetici, sarà lo specialista a scegliere quale tipo di terapia farmacologica adottare.

Il controllo dell'alimentazione e i piccoli accorgimenti che possono portare ad uno stile di vita più sano sono senz'altro utili in qualunque caso perché aiutano ulteriormente il corpo a combattere i problemi legati al colesterolo alto e alle malattie che ne derivano.

 Colesterolo
 Caratteristiche principali
 Come abbassare il colesterolo
 Dieta colesterolo
 Colesterolo HDL
 Colesterolo LDL
 Alimenti per abbassare il colesterolo
 Attività per abbassare il colesterolo
 Aterosclerosi
 Come aumentare il colesterolo HDL
 Ipercolesterolemia
 Trigliceridi e colesterolo


Le informazioni riportate su questo sito devono essere intese come puramente indicative e non sostituenti il parere professionale di un medico

Copyright © Colesterolo.com 2013 - Vietata la copia, anche parziale (disclaimer) | Contatti